Brexit


La cosa commovente che emerge dai risultati elettorali britannici, è che gli inglesi

  1. non hanno capito niente di ciò che comportava
  2. se l'hanno capito, non sono sicuri sul come comportarsi
  3. hanno votato contro gli extracomunitari a Calais, non contro la finanza che lavora per l'Europa e gli porta 100k posti di lavoro qualificati
  4. un probabile calo della sterlina non li avvantaggerebbe con le esportazioni più di tanto, visto che le industrie sono sempre meno, o almeno sono incapaci di reggere il passo delle istituzioni finanziarie.
  5. partecipassero a progetti con paesi europei dovrebbero spendere molto di più Ma anche in Italia non si è capito molto di quello che è successo. In Italia è ovviamente andata molto peggio. Al solito, quelli che più hanno dato l'impressione di andare "fuori tema" sono stati i grillini e i leghisti. Grillo si è lanciato in una revisione delle sue idee sull'Europa, accompagnato da una modifica dei testi scritti precedentemente per non fare accorgere ai lettori del cambiamento di rotta, come spiegano in tanti, tra cui l'HP, la Lega è rimasta più tranquilla auspicando lo stesso per l'Italia (ma evidentemente ricordano che adesso ora gli inglesi diventerebbero extracomunitari). Certo è un bel casino...
    Se gli italiani avessero votato al posto degli inglesi, comunque, sarebbe stato molto facile capire chi e come. Non ho visto un commento di persona che già conoscessi che mi abbia stupito. Chi era di destra, era leave, chi era di sinistra remain. Chi contro gli immigrati, senz'altro leave. Chi per l'intervento dello stato in economia, remain. Ma insomma: un pò di fantasia :-) In ogni caso, tutti dovrebbero avere almeno la decenza di aspettare qualche giorno prima di prevedere quello che succederà, o almeno, mettete un secondo me nella frase. Il rischio di sparare sciocchezze enormi è in agguato, ora che non si sa nemmeno se e quando la Gran Bretagna uscirà dalla comunità europea.