Viva La Rai


Viva La Rai La gioia di tante persone, ansiose di arrivare a fine gennaio per potere finalmente pagare il canone RAI, questa volta, almeno al lavoro, potrà interrompersi mesi prima... questa società, titolare del contratto di servizio che, se pur vicino alla scadenza, purtroppo sarà sicuramente rinnovato dallo stato, ha iniziato a spedire, come un paio di anni fa, lettere alle società richiedendo il pagamento del canone speciale per le aziende. Il canone, oltre 400 euro, viene richiesto a chi ha apparecchi atti a ricevere segnali radiotelevisivi: pc, tablet, come leggo da qualche parte, videocitofoni, tutto fa brodo, o almeno ci si prova. Certamente, il motivo principale e unico per cui si compra un pc in azienda è quello di guardare la televisione. Io stesso, al lavoro, cerco di mascherare con qualche programma di cad l'uso per la televisione, facendo pagare pure il costoso canone di noleggio di un cam all'azienda, che, visto siamo a lavorare, è pure felice di servirci con sintonizzatori adatti allo scopo. In ufficio, ovviamente, le segretarie, da brave donne postfemministe, privilegiano i programmi rosa, mentre nella rude officina guardiamo addirittura i programmi di Dmax.